INVITALIA rimborsa alle imprese le spese per i dispositivi di protezione (DPI)

Con il Bando Impresa Sicura è possibile prenotare dall’11 maggio prossimo il rimborso delle spese sostenute per l’acquisto dei DPI per i propri dipendenti.

Arriva Impresa Sicura il bando di Invitalia per rimborsare a tutte le imprese che abbiamo acquistato DPI per i propri dipendenti tra il 17 marzo 2020 e la data di invio della domanda di rimborso, quanto hanno speso per l’acquisto dei suddetti dispositivi anti covid e nei limiti e modalità previsti dal bando.

Impresa Sicura è un intervento disposto in base a quanto stabilito dal Decreto Cura Italia convertito in legge n 27 del 24 aprile 2020 all’art 43 comma 1 con lo scopo di garantire la continuità in sicurezza dei processi produttivi.

Possono partecipare al bando tutte le imprese, indipendentemente da dimensione, forma giuridica e settore economico di attività che, alla data di presentazione della domanda di rimborso abbiano i seguenti requisiti:

  • Siano regolarmente costituite e iscritte come “attive” nel Registro delle imprese
  • Abbiano sede principale o secondaria sul territorio nazionale
  • Siano in pieno e libero esercizio dei propri diritti e non siano in liquidazione volontaria né sottoposte a procedure concorsuali con finalità liquidatoria.

Il rimborso è ottenibile nelle misure stabilite dal bando e in particolare:

  • 500 euro per ciascun addetto
  • E fino a un massimo di 150mila euro per impresa.

Il rimborso è concesso fino al 100% delle spese ammissibili e fino ad esaurimento della dotazione finanziaria disponibile che ammonta in totale a 50 milioni di euro.

È possibile chiedere il rimborso delle spese per l’acquisto di dispositivi ed altri strumenti di protezione individuale, sostenute tra la data del 17 marzo 2020 e la data di invio della domanda di rimborso, e nel dettaglio spese per:

  • mascherine filtranti, chirurgiche, FFP1, FFP2 e FFP3;
  • guanti in lattice, in vinile e in nitrile;
  • dispositivi per protezione oculare;
  • indumenti di protezione quali tute e/o camici;
  • calzari e/o sovra-scarpe;
  • cuffie e/o copricapi;
  • dispositivi per la rilevazione della temperatura corporea;
  • detergenti e soluzioni disinfettanti/antisettici

La procedura per ottenere il rimborso è la seguente:

  1. Prima fase, prenotazione del rimborso inviando domanda dall’11 al 18 maggio 2020, dal lunedì al venerdì, dalle ore 9.00 alle ore 18.00, attraverso uno sportello informatico dedicato.
  2. Seconda fase, pubblicazione sul sito di Invitalia dell’elenco delle prenotazioni ammesse e in ordine cronologico e di quelle non ammissibili
  3. Tersa fase, nell’elenco delle imprese ammesse sarà annotato un invito a presentare ulteriore domanda di rimborso con le modalità previste dal bando ossia dalle ore 10.00 del 26 maggio 2020 alle ore 17.00 dell’11 giugno 2020 attraverso la procedura informatica che verrà attivata sul sito web dell’Agenzia.
2020-05-11T14:36:01+02:00