Corrispettivi Elettronici e Lotteria Enti del Terzo Settore

Come noto, dal 1° gennaio 2020 (Da luglio 2019 per gli esercenti con più di 400mila euro di ricavi) sarà obbligatoria la memorizzazione e la trasmissione dei corrispettivi in modalità telematica e contestualmente sarà fissata anche la partenza della lotteria dei corrispettivi.

Ogni qual volta un contribuente maggiorenne effettuerà un acquisto, al di fuori dell’esercizio di impresa, arte o professione, dovrà comunicare il proprio codice fiscale all’esercente. Quest’ultimo contestualmente alla trasmissione dei corrispettivi giornalieri dovrà comunicare per ogni singola operazione:

  • data,
  • importo,
  • modalità di pagamento,
  • Codice Fiscale dell’acquirente.

All’interno dell’articolo 18 del decreto legge 119/2018, convertito con modificazioni dalla Legge  è stata inoltre introdotta la possibilità per gli enti del terzo settore di effettuare lotterie finalizzate a sollecitare donazioni di importo non inferiore a euro 500. Le lotterie possono essere organizzate anche con l’intervento degli intermediari finanziari che gestiscono il patrimonio dei soggetti partecipanti.

Il ricavato derivante dalle lotterie filantropiche è destinato ad alimentare i fondi dei citati enti per la realizzazione di progetti sociali. Attenzione però: la vincita è costituita unicamente dal diritto di scegliere un progetto sociale, tra quelli da realizzare, cui associare il nome del vincitore, con relativo riconoscimento pubblico.

Fonte: Fisco & Tasse

2018-12-25T00:43:02+01:00